Foglia di cannabis: Varietà, funzioni ed utilizzi

foglie

Molto tempo prima dell’era moderna, le società antiche l’hanno impiegata come simbolo di pace e saggezza. Per esempio, nella mitologia egizia, la dea Seshat è stata identificata come “colei dalle sette punte”, un chiaro riferimento alla foglia di marijuana.

Una delle parti più riconoscibili della pianta di cannabis è la sua iconica foglia. Ma quali sono esattamente le caratteristiche di questa foglia e cosa dovresti sapere su di essa?

Struttura della foglia di cannabis

La foglia di cannabis è composta da diverse parti, ciascuna con una funzione specifica. La parte principale è la lamina fogliare, che è la parte piatta e verde della foglia. Le foglie di cannabis sono tipicamente palmate, con diverse foglioline (o lobi) che si estendono dalla nervatura centrale.

Le foglie di cannabis sono caratterizzate dalla presenza di un certo numero di piccole strutture a forma di denti lungo i bordi delle dita, chiamate denti o margine segato. Questi denti possono variare in forma e dimensione a seconda della varietà di cannabis.

Ruolo della foglia di cannabis

Come molte altre piante, la foglia di cannabis svolge un ruolo vitale nella fotosintesi, il processo attraverso il quale le piante producono il loro nutrimento utilizzando la luce solare, l’anidride carbonica e l’acqua. Le foglie di cannabis contengono clorofilla, il pigmento verde responsabile della cattura dell’energia solare durante la fotosintesi.

Durante la fotosintesi, le foglie di cannabis assorbono la luce solare attraverso la clorofilla e utilizzano questa energia per convertire l’anidride carbonica e l’acqua in zuccheri e ossigeno. Questi zuccheri sono poi utilizzati dalla pianta come fonte di energia per la crescita e lo sviluppo.

Varietà di foglie di cannabis

Le foglie di cannabis possono variare notevolmente in dimensioni, forma e colore a seconda della varietà di cannabis. Alcune varietà hanno foglie sottili e allungate, mentre altre hanno foglie più larghe e tonde. Il colore delle foglie può essere verde scuro, verde chiaro o addirittura violaceo, a seconda dei fattori genetici e ambientali.

Anche se vi sono varie forme di foglie di erba, esse tendono in genere a seguire uno schema simile. Per esempio, alcune varietà di erba possono presentare 9 o 13 dita, sebbene ciò sia piuttosto raro. Di solito, le foglie si sviluppano con 3, 5 o 7 dita, mentre quelle con un numero pari sono estremamente insolite.

Poiché esistono tre principali varietà di cannabis, cioè sativa, indica e ruderalis, si riscontrano altrettante variazioni nelle foglie dell’erba. Le maggiori difficoltà nell’identificare l’erba attraverso le foglie sorgono con gli ibridi, poiché presentano caratteristiche ereditate da entrambi i genitori.

Foglia sativa

Le foglie della varietà Sativa di marijuana comunemente presentano fino a 13 dita. Analogamente ad altre varietà, è raro trovarne con un numero pari, e c’è persino un mito che attribuisce fortuna a chi ne trova una.

Le foglie della cannabis Sativa sono lunghe e sottili, con margini dentellati. Di solito hanno un fogliame poco fitto, il che favorisce un adeguato flusso d’aria. Le piante Sativa tendono ad essere molto alte, spesso superando i 2 metri di altezza.

A seconda della specifica variante, le foglie della marijuana Sativa possono variare dal verde molto vivace al verde scuro della foresta. Anche i loro germogli mostrano caratteristiche simili, spesso sono leggeri e soffici. Nonostante l’apparenza delicata, queste piante sono estremamente robuste e dotate di un potente potenziale di crescita.

Le piante di cannabis, sia maschio che femmina, condividono una struttura fogliare e un modello di crescita simili. La differenza principale tra di loro diventa evidente circa sei settimane dopo la germinazione: le femmine sviluppano dei peli alle giunture delle foglie Sativa, mentre i maschi no.

Foglia indica

Le foglie della cannabis Indica presentano una struttura generale simile alla Sativa e anch’esse hanno margini frastagliati. Tendenzialmente, le foglie dell’Indica presentano 5, 7 o 9 dita, con pochissime eccezioni che ne hanno più di 13. Nei casi di incroci o ibridi, spesso si osservano caratteristiche miste che portano a variazioni interessanti.

Le piante di Indica sono generalmente resistenti agli insetti, ma possono essere vulnerabili a funghi e muffe. Le foglie sono spesse e robuste, meno appetibili per gli insetti, ma la densità del fogliame può trattenere l’umidità, rendendole soggette alla muffa. Per questo motivo, è consigliabile garantire una buona ventilazione per le varietà Indica, specialmente negli ambienti indoor e in serra.

Le foglie delle piante Indica tendono ad avere un colore più scuro rispetto alle Sativa, spesso presentando tonalità di verde oliva, con rare eccezioni di verde chiaro. Allo stesso modo, le gemme sono di solito più scure e più dense rispetto alle varietà Sativa.

Foglia ruderalis

Le foglie di cannabis Ruderalis sono spesso confuse con giovani varietà di Indica o Sativa. Il colore del fogliame può variare dal verde scuro al verde chiaro, ma le differenze principali si manifestano dopo circa otto settimane di crescita.

Come le Indica, le piante Ruderalis non crescono molto in altezza e le foglie sono corte e larghe, anche se meno dense. Il loro colore può variare notevolmente, con alcune foglie di un verde brillante.

Mentre le Sativa e le Indica mostrano più somiglianze nelle gemme che nelle foglie, le Ruderalis tendono a produrre cime più soffici e accumulano meno resina. Questo può essere attribuito all’ambiente di crescita.

La scoperta della cannabis Ruderalis da parte di DE Janischevskij continua a sollevare discussioni tra i botanici. Le foglie Ruderalis possono avere da 5 a 13 dita e il loro colore varia dal verde chiaro al verde scuro. I principali vantaggi della Ruderalis includono la crescita rapida e la capacità autofiorente.

I coltivatori possono sfruttare la genetica autofiorente della Ruderalis negli ambienti indoor e in serra per aumentare i rendimenti e la potenza, senza dipendere dalla luce solare per la fioritura. Aumentare la disponibilità di luce e nutrienti per le piante Ruderalis significa evitare ritardi nel passaggio allo stadio vegetativo.

Si possono fumare le foglie?

È possibile fumare una foglia? In breve, sì. Le foglie possono farti sballare? Non proprio. Tecnicamente, puoi fumare qualsiasi cosa se la riscaldi abbastanza, ma ciò non significa sempre che dovresti. Tuttavia, a volte si possono fumare le sugar leaves (foglie di zucchero).

Le foglie di zucchero si trovano solitamente attorno alle cime, ricoperte da uno strato bianco di tricomi. Spesso vengono tagliate e sono più piccole di tutte le altre foglie. Queste foglie zuccherine hanno livelli di THC e CBD molto più elevati rispetto alle foglie a ventaglio, ma inferiori a quelli dei fiori stessi.

Le foglie a ventaglio contengono poco o nessun cannabinoide e se usi pesticidi o altri prodotti chimici sulle foglie di cannabis, non dovresti fumarle. Inoltre, molti consumatori riferiscono mal di testa a causa del fumo di foglie compromesse. Anche se non contengono THC, alcuni fumano le foglie di cannabis come alternativa al tabacco. Questo perché non contengono nicotina e non creano dipendenza. Un ulteriore vantaggio è che contengono ancora alcuni livelli di CBD, anche se molto bassi.

Usi alternativi per le foglie di cannabis

Se getti via le foglie di marijuana dopo la raccolta, potresti perdere l’opportunità di sfruttarne appieno l’utilità. A seconda del tipo di foglia, ci sono vari usi che potresti considerare.

Le foglie a ventaglio sono ricche di sapore e fitonutrienti che favoriscono la salute e il benessere. Aggiungere foglie di cannabis crude al frullatore durante la preparazione di un frullato è un ottimo modo per arricchire la dieta con diverse vitamine, acidi grassi omega, proteine e fibre.

Le foglie zuccherine presentano livelli più elevati di cannabinoidi, rendendole ottime per la preparazione di burro, tè o tonici. Spesso ricoperte di resina appiccicosa, queste foglie catturano più sapore rispetto alle foglie a ventaglio.

Il compostaggio delle foglie di cannabis rappresenta un altro modo ideale per smaltirle, consentendo di restituire al terreno i nutrienti persi e completare un ciclo di vita naturale. I microrganismi presenti nel compost aiutano anche ad aerare il terreno e a decomporre altri rifiuti organici, contribuendo alla prevenzione delle malattie.

Infine, puoi intrecciarle. Le foglie e gli steli delle piante di cannabis costituiscono la base dei prodotti a base di canapa. Con l’attrezzatura e la tecnica corrette, puoi filare le fibre in un filo e, con abbastanza abilità e pratica, puoi creare vestiti di canapa direttamente a casa tua.

Conferma la tua età

Accesso consentito solo agli adulti. Questo sito è solo per maggiorenni in quanto tratta articoli correlati ai semi di Canapa. Vendiamo i semi al solo scopo collezionistico e non siamo responsabili di qualsiasi altro uso. Tutti i prodotti che trattiamo nel sito sono legali in Italia.

Sei maggiorenne?