Le 7 fasi della vita della cannabis

7stadi

La cannabis, pianta versatile e dalle molteplici sfaccettature, attraversa una serie di stadi distinti durante il suo ciclo di vita. Questi stadi, che vanno dall’embrione alla fioritura, sono cruciali per comprendere il ciclo vitale completo della pianta e per massimizzare la sua resa e qualità. Esploriamo i sette stadi della vita della cannabis:

Quanto dura il ciclo di vita medio della cannabis?

La durata della coltivazione della cannabis varia in base a diversi fattori, tra cui la varietà specifica che si sta coltivando. Le varietà indica tendono ad avere cicli di crescita più brevi rispetto alle varietà sativa. Le sativa possono richiedere fino a 8 mesi per maturare completamente, mentre le indica sono spesso pronte per essere raccolte entro 12 settimane.

Le varietà a fioritura rapida possono essere pronte per la raccolta entro otto settimane, mentre le varietà autofiorenti sono in vegetativa solo due o quattro settimane prima di iniziare a produrre cime senza la necessità di cambiamenti nella durata della luce.

Inoltre, anche il luogo in cui viene coltivata la cannabis può influenzare il tempo necessario per completare il ciclo di crescita. La temperatura, l’umidità e altri fattori ambientali possono influenzare la velocità con cui le piante progrediscono attraverso le fasi della loro crescita.

Fase 1: Seme

All’interno del seme si trova un embrione, una piantina in miniatura con uno stelo, una radice e due piccole foglie, che giace in uno stato dormiente, in attesa delle condizioni ambientali ideali per germinare e crescere.

Durante questa fase di quiescenza, l’embrione ottiene i nutrienti necessari dall’endosperma del seme, il che spiega la sua capacità di conservazione nel tempo. Tuttavia, la vitalità del seme raggiunge il picco entro un anno, dopo di che la maggior parte dei nutrienti si esaurisce, riducendo le probabilità di germinazione con successo.

Per conservare i semi in modo ottimale e prolungarne la durata di vita, è consigliabile mantenerli in un ambiente fresco, buio e asciutto, come ad esempio un frigorifero. Questo aiuta a preservare i nutrienti e a prevenire una germinazione prematura accidentale, che potrebbe compromettere il successo della crescita futura della pianta.

Evitare contenitori comuni come barattoli o sacchetti di plastica è importante, poiché possono intrappolare l’umidità, favorendo la formazione di muffe e causando la germinazione precoce.

Fase 2: Germinazione

Sottoporre i semi a specifiche condizioni ambientali fa uscire le piantine dal loro stato di dormienza, rompendo i loro gusci e avviando la crescita di una radice primaria. È cruciale essere preparati ad affrontare l’intero ciclo di crescita delle piante fin dall’inizio.

Evitare di impiegare tempo e risorse su semi di scarsa qualità è essenziale. Semi verdi o bianchi e che hanno una consistenza molle sono probabilmente danneggiati e devono essere scartati. I semi sani e vitali, invece, presentano una colorazione marrone, sono asciutti e duri al tatto.

Durante la germinazione, è fondamentale mantenere i semi costantemente umidi. L’umidità attiva gli enzimi presenti nei semi, che a loro volta liberano l’energia necessaria dalla riserva di nutrienti del seme per favorire la crescita delle piantine.

Fase 3: Piantina

Congratulazioni per aver progredito attraverso le prime fasi della crescita e per aver trasferito la piantina in un vaso. Questo delicato passaggio richiede molta attenzione mentre sposti la pianta nel suo primo substrato.

In questa fase, noterai l’emergere di due foglie rotonde chiamate cotiledoni, mentre il piccolo stelo si libera dalla sua guaina essiccata per estendersi verso l’alto. Queste foglie sono fondamentali per assorbire l’energia proveniente dalla prima esposizione alla luce solare.

Per favorire il successo delle tue piantine mentre avanzano verso le prossime fasi di crescita, è essenziale mantenere un ambiente caldo e umido. Le temperature ideali oscillano tra i 20 e i 30 gradi Celsius, con un’umidità compresa tra il 75% e l’85%.

In questa fase, è importante garantire un ciclo luce-buio di 18 ore di luce e 6 ore di buio. Le foglie sono particolarmente sensibili, quindi è consigliabile utilizzare lampade CFL o LED per ridurre l’intensità della luce e del calore, assicurandosi che siano posizionate a una distanza ottimale. Se troppo lontane, le piante potrebbero allungarsi e diventare deboli.

Durante le 2-3 settimane in cui le piante si trovano in questa fase, sono particolarmente vulnerabili a muffe e malattie. Mantenere l’area circostante pulita e utilizzare un flacone spray per l’irrigazione può aiutare a prevenire l’accumulo di umidità a livello del suolo e ridurre il rischio di malattie.

Fase 4: Vegetativa

Di solito, la fase vegetativa si estende maggiormente nel tempo, variando da 3 a 16 settimane a seconda della varietà. Durante questa fase, la pianta crescerà rapidamente.

A questo punto, puoi iniziare ad applicare tecniche di addestramento come la cimatura per mantenere la pianta a dimensioni gestibili. Inoltre, assicurati di fornire un apporto adeguato di azoto per favorire la crescita di un folto fogliame.

I coltivatori indoor possono considerare il passaggio da luci CFL o LED a luci ad alogenuri metallici (MH), mantenendo lo stesso programma di illuminazione. È importante mantenere la temperatura tra i 22 e i 24 gradi Celsius.

Per preparare le piante per la prossima fase del ciclo di crescita, è consigliabile ridurre l’umidità dell’ambiente di circa il 5% ogni settimana fino a quando non raggiunge il range ottimale del 45-55%.

Fase 5: Pre-fioritura

La pre-fioritura, considerata l’inizio del processo di fioritura, non è formalmente classificata come una fase separata nel ciclo di vita della cannabis dal punto di vista scientifico. Tuttavia, è un momento cruciale nella vita della pianta di marijuana che richiede particolare attenzione.

Solitamente, la pre-fioritura inizia intorno alla quarta settimana della fase vegetativa, con l’emergere dei primi segni visibili degli organi sessuali ai nodi della pianta.

Durante questa fase, le piante di cannabis richiedono una maggiore quantità di potassio e fosforo per sostenere il processo di fioritura.

Le piante di cannabis possono maturare in tre sessi distinti: femmina, maschio ed ermafrodito. I primi fiori delle piante femminili sono chiamati pistilli e sono caratterizzati da stimmi simili a peli che emergono da calici verdi. Questi pistilli sono essenziali per catturare il polline proveniente dai maschi e sviluppare cime dense con elevate concentrazioni di THC e CBD.

I maschi, al contrario, sviluppano piccole sacche polliniche a forma di sfera ai nodi della pianta. Questi fiori maschili non contengono i composti desiderati dai coltivatori e dai consumatori presenti nelle femmine e sono utili solo se si desidera far riprodurre la pianta. Tuttavia, i maschi non desiderati possono influenzare negativamente i raccolti delle piante femminili fino a tre miglia di distanza, pertanto è cruciale identificarli e rimuoverli rapidamente nel caso la produzione di semi non sia l’obiettivo.

Le piante ermafrodite devono essere trattate come maschi, poiché possono produrre fiori maschili e femminili. Alcuni sono riconoscibili grazie ai pistilli unici, mentre altri possono sviluppare sacche polliniche a forma di banana.

Fase 6: Fioritura

Circa quattro o cinque settimane dopo l’inizio della pre-fioritura, termina questa fase e inizia la fioritura. In questa fase della crescita della cannabis, la crescita vegetativa si ferma e l’energia della pianta viene indirizzata verso lo sviluppo accelerato delle gemme.

Dalla sesta settimana, le piante entrano nella fase tardiva della fioritura. Durante questo periodo, la produzione di tricomi aumenta, rendendo le cime delle piante grasse e appiccicose, mentre i pistilli cominciano a cambiare colore.

Per sostenere le piante durante questo periodo critico, è necessario aumentare l’irrigazione e il nutrimento.

Circa una settimana prima dell’anticipata raccolta, è consigliabile interrompere completamente l’uso di fertilizzanti e sciacquare le piante con acqua pH 6,5. Questo aiuta a prevenire che le cime assorbano sapori sgradevoli dai fertilizzanti.

A questo punto del ciclo di crescita della cannabis, i coltivatori indoor devono regolare il ciclo di illuminazione da 12 ore di luce e 12 ore di buio. Qualsiasi interruzione potrebbe far ritornare le piante in fase vegetativa.

La temperatura durante il giorno dovrebbe rimanere costante a 26-27°C, mentre di notte può tranquillamente scendere a 18°C. È inoltre consigliabile ridurre gradualmente l’umidità dell’aria nella stanza, riducendola dal 5% fino al raggiungimento del range ottimale del 35-45%, al fine di ridurre il rischio di muffe e marciume.

Fase 7: Raccolta

Il ciclo di vita della cannabis raggiunge la sua conclusione quando i fiori smettono di crescere e raggiungono la piena maturazione, diventando densi, aromatici e ricchi di resina.

Durante questo periodo, i pistilli dei fiori cominciano ad arricciarsi e a scurirsi, mentre i tricomi, coperti di cristalli, aumentano in quantità e cambiano colore. Queste strutture sono responsabili del trasporto di terpeni, cannabinoidi e flavonoidi, conferendo agli infiorescenze le loro proprietà distintive.

È fondamentale monitorare attentamente questi cambiamenti per essere pronti a raccogliere la cannabis al suo massimo potenziale, noto come picco di maturazione. Aspettare troppo a lungo può provocare la degenerazione della pianta, con una rapida diminuzione del contenuto di THC.

La fase di raccolta rappresenta uno dei momenti più emozionanti e gratificanti del processo di coltivazione della cannabis. Essere in grado di riconoscere i segni di maturità richiede competenza e pazienza, poiché raccogliere troppo presto o troppo tardi potrebbe compromettere la qualità e il potenziale della cannabis.

Perché comprendere le fasi di crescita della cannabis è fondamentale?

Comprendere le varie fasi di crescita della cannabis è cruciale per il successo complessivo della coltivazione. Ogni fase, dall’inizio alla fine, riveste un’importanza pari alle altre. Il conoscere le esigenze specifiche della pianta e il momento in cui queste esigenze devono essere soddisfatte è essenziale per garantire una crescita robusta e sana delle piante.

Armarsi di questa conoscenza consente di pianificare in anticipo e preparare le condizioni ottimali, come temperatura, illuminazione, umidità e apporto nutritivo, per favorire una crescita ottimale in ogni fase del ciclo di vita della cannabis.

Conferma la tua età

Accesso consentito solo agli adulti. Questo sito è solo per maggiorenni in quanto tratta articoli correlati ai semi di Canapa. Vendiamo i semi al solo scopo collezionistico e non siamo responsabili di qualsiasi altro uso. Tutti i prodotti che trattiamo nel sito sono legali in Italia.

Sei maggiorenne?