Archivio Autore: @adminSIMO@

Come coltivare un’autofiorente settimana per settimana

auto weeks

Coltivare una pianta di cannabis autofiorente può sembrare complicato, ma una guida settimanale lo rende più facile da gestire. Questo articolo suddivide l’intero ciclo di crescita in fasi specifiche, dalla germinazione al raccolto, offrendo approfondimenti e consigli essenziali. Settimana dopo settimana, scoprirai come coltivare la tua pianta attraverso le fasi della piantina, della crescita vegetativa e della fioritura, fino al momento della raccolta. Sia che tu sia un coltivatore principiante o esperto, comprendere queste fasi può aumentare notevolmente le tue probabilità di successo, rendendo la tua esperienza di coltivazione più efficiente, piacevole e produttiva. Esploriamo insieme questo affascinante percorso.

Settimana 1: Germinazione e piantina

Durante la prima settimana, il seme germinerà e una piccola piantina emergerà con un paio di foglie embrionali. In questa fase, la pianta è fragile e vulnerabile. È importante ricordare che, con le autofiorenti, è sempre meglio piantarle direttamente nel vaso di coltivazione finale sin dall’inizio. Questo significa che dovresti evitare di trapiantare le autofiorenti in vasi progressivamente più grandi, come faresti con i semi normali a fotoperiodo. Il trapianto può infatti stressare la pianta e, dato che il ciclo di vita delle autofiorenti è molto breve, qualsiasi stress può influire negativamente sul risultato finale.

In questa fase bisogna:

  • Mantenere alti i livelli di umidità a circa 70-80% per favorire la crescita della piantina delicata.
  • Usare un flacone spray o un metodo di irrigazione delicato per non disturbare la giovane piantina.
  • Fornire una fonte di luce delicata, come una fluorescente o un LED, che emetta uno spettro delicato adatto alla crescita delle piantine.

Cose da evitare:

  • Un’irrigazione eccessiva, poiché troppa umidità può causare una malattia fungina letale per la piantina.
  • Sbalzi di temperatura.
  • Dare nutrienti. In questa fase, la piantina utilizza solo le sostanze nutritive presenti nel seme. Evita nutrienti aggiuntivi poiché potrebbero uccidere la pianta.
  • Esporre la piantina a illuminazione intensa o temperature estreme.

Settimana 2-3: Fine semina e inizio vegetazione

Entro la fine della seconda settimana, la piantina avrà sviluppato più foglie e un apparato radicale più robusto, iniziando a mostrare le sue prime vere foglie seghettate. Durante la terza settimana, la pianta passerà dalla fase di piantina a quella vegetativa, con una crescita e uno sviluppo più marcati.

In questa fase bisogna:

  • Fornire 18-20 ore di luce al giorno. Le autofiorenti prosperano con 18 ore di luce durante la fase vegetativa, ma alcuni coltivatori preferiscono 20 ore di luce e 4 ore di buio. Non è necessario modificare i cicli di luce per le autofiorenti, quindi il ciclo di luce 18/6 o 20/4 può essere utilizzato dalla fase di piantina fino al raccolto.

Cose da evitare:

  • Carenze nutrizionali. Osserva le foglie per eventuali segni di carenze nutrizionali, come ingiallimento o macchie, e intervieni di conseguenza.
  • Irrigazione eccessiva. Come regola pratica, tocca il terreno e annaffia solo se lo strato superiore è asciutto.
  • Usare nutrienti troppo forti. Durante la fase vegetativa, l’autofiorente beneficerà di una soluzione nutritiva equilibrata e delicata, specifica per la crescita delle autofiorenti.
  • Cambiamenti bruschi nei cicli di luce che potrebbero stressare la pianta.
  • Potare eccessivamente o stressare la pianta.

Settimana 3-4: Fase vegetativa

Durante le settimane 3 e 4 della fase vegetativa, la pianta di cannabis autofiorente continuerà a crescere in altezza e foltezza. Svilupperà più serie di foglie seghettate e la spaziatura tra i nodi diventerà più evidente con la nuova crescita.

In questa fase bisogna:

  • Considerare tecniche di potatura leggera o formazione a basso stress, come legare i rami, per favorire una chioma uniforme e una migliore penetrazione della luce.
  • Fornire una concentrazione equilibrata e leggermente superiore di nutrienti.
  • Monitorare l’altezza e regolare la fonte di luce di conseguenza per evitare bruciature o allungamenti eccessivi.

Cose da evitare:

  • Concimare eccessivamente la pianta, poiché i nutrienti in eccesso possono causare bruciature.
  • La defogliazione drastica o metodi di training ad alto stress, poiché l’autofiorente potrebbe non avere abbastanza tempo per recuperare prima della fioritura.
  • Trascurare i fattori ambientali come temperatura e umidità.

Settimana 4-5: Fase vegetativa tardiva

Entro la quarta settimana della fase vegetativa avanzata, la pianta di cannabis autofiorente avrà sviluppato numerose foglie e rami. Continuerà a crescere in altezza e foltezza, preparandosi per la fase di fioritura.

In questa fase bisogna:

  • Rimuovere regolarmente le grandi foglie a ventaglio che bloccano la luce nelle parti inferiori della pianta e/o considerare ulteriori tecniche di allenamento a basso stress per aprire la chioma e promuovere uno sviluppo uniforme delle gemme.
  • Prestare attenzione alle esigenze idriche della pianta, assicurandoti che riceva sufficiente umidità senza essere irrigata eccessivamente.
  • Mantenere livelli di umidità moderati per prevenire problemi di muffa e funghi.
  • Monitorare la distanza tra i nodi e regolare la fonte di luce per evitare un eccessivo allungamento.

Cose da evitare:

  • Intensità della luce inadeguata. Assicurati che la pianta riceva un’intensità di luce adatta per sostenere una crescita sana e prevenire steli deboli e allungati.
  • Una defogliazione pesante, soprattutto nella parte finale di questa fase, poiché potrebbe stressare la pianta prima della fioritura.
  • Introdurre cambiamenti significativi nell’ambiente della pianta, come spostarla in un luogo diverso o alterare il programma di illuminazione.

Settimana 5-6: Fase di fioritura precoce

Durante le settimane 5 e 6, la pianta di cannabis autofiorente subirà una trasformazione significativa entrando nella fase di fioritura iniziale. La crescita vegetativa si fermerà e la pianta concentrerà la sua energia sulla produzione di gemme. Inizieranno a svilupparsi piccoli grappoli di fiori ai nodi.

In questa fase bisogna:

  • Passare ad una formula nutritiva specifica per la fioritura, con livelli più alti di potassio e fosforo.
  • Usare piccoli paletti o legacci per sostenere il peso dei fiori in crescita.
  • Incrementare gradualmente il dosaggio dei nutrienti per la fioritura, monitorando la risposta della pianta.

Cose da evitare:

  • Squilibri nutrizionali.
  • Parassiti e malattie.
  • Interruzioni di luce durante il periodo di buio di 12 ore, poiché possono interrompere il processo di fioritura e stressare la pianta.
  • Potature pesanti o metodi di formazione ad alto stress, poiché la pianta deve concentrare le sue energie sullo sviluppo delle gemme

Settimana 6-7: Fase di fioritura

Durante le settimane 6 e 7, la pianta di cannabis autofiorente sarà completamente nella fase di fioritura. Avrà smesso di crescere in altezza e si concentrerà interamente sullo sviluppo delle gemme, producendo densi grappoli di fiori e abbondante resina.

In questa fase bisogna:

  • Controllare i livelli di umidità per prevenire la crescita di muffe.
  • Garantire una buona circolazione dell’aria attorno alle cime per ridurre il rischio di muffe e migliorare la produzione di resina.
  • Regola il programma di irrigazione in base alle esigenze della pianta e alle condizioni ambientali.

Cose da evitare:

  • Eventuali segni di muffa o marciume. Rimuovi immediatamente eventuali gemme colpite per evitare la diffusione.
  • Blocco dei nutrienti. Monitora attentamente i dosaggi dei nutrienti, poiché un eccesso può causare un blocco dei nutrienti, impedendo alla pianta di assorbire correttamente quelli essenziali.
  • Maneggiare eccessivamente le cime dato che i tricomi sono delicati e possono essere facilmente danneggiati.
  • Introdurre bruscamente nuovi nutrienti o integratori.

Settimana 8-9: fase di fioritura tardiva e tempo di raccolta

Durante le settimane 8 e 9, la pianta di cannabis autofiorente raggiungerà le fasi finali della fioritura. Le cime saranno mature e pronte per il raccolto, e la pianta potrebbe mostrare alcuni cambiamenti visivi.

In questa fase bisogna:

  • Monitorare il colore dei tricomi. Ispeziona regolarmente i tricomi sulle cime con una lente d’ingrandimento e raccogli quando sono per lo più torbidi con alcuni tricomi ambrati.
  • Se hai utilizzato nutrienti, lavare la pianta con acqua semplice a pH bilanciato nelle ultime due settimane prima del raccolto. Questo aiuta a eliminare eventuali residui di nutrienti, migliorando il sapore finale delle cime.

Cose da evitare:

  • Aspettare troppo a lungo per il raccolto. I tricomi possono iniziare a degradarsi, riducendo la potenza e la qualità del prodotto finale.
  • Fattori di stress ambientale significativi come sbalzi di temperatura o umidità eccessiva.
  • Fornire altre sostanze nutritive. La pianta generalmente non ha bisogno di nutrienti aggiuntivi.
  • Una raccolta prematura che può portare a cime sottosviluppate e meno potenti.
  • Usare pesticidi o sostanze chimiche nocive.

Raccolta:

  • Raccogli quando i tricomi sono per lo più torbidi con alcuni ambrati per un effetto rilassante. Per un effetto più energico, raccogli quando i tricomi sono per lo più torbidi e chiari.
  • Taglia i rami e rimuovi le foglie in eccesso, preservando i boccioli.
  • Asciuga le cime raccolte in uno spazio buio, fresco e ben ventilato per mantenere il loro sapore e la loro potenza

Anatomia della cannabis: dalle radici ai fiori

parti

Le piante di cannabis possono avere un’anatomia diversa a seconda del loro sesso e possono essere maschili, femminili o ermafrodite. È importante riconoscere queste parti per identificare il sesso della pianta tempestivamente, evitando così l’impollinazione indesiderata che può compromettere l’intero raccolto. Conoscere quali parti addestrare può inoltre favorire lo sviluppo di cime più grandi e resinose nelle piante femminili. Durante la clonazione, è fondamentale comprendere l’anatomia della pianta di cannabis per prelevare talee senza danneggiare la pianta madre.

Radici

Le radici sono cruciali per la pianta, fungendo da fonte primaria di nutrienti e acqua dal terreno di coltura, che vengono poi distribuiti a tutta la pianta. Le radici di cannabis sono lunghe e fibrose, con una radice principale, chiamata radice a fittone, dalla quale si diramano radici secondarie.

Steli

Il fusto principale cresce dalla radice primaria e da esso si sviluppano steli e foglie. Il fusto collabora con le radici come parte del sistema di trasporto e fornisce il supporto principale alla pianta, permettendo agli altri steli e foglie di crescere verso l’alto e verso l’esterno, aiutando la pianta a raggiungere il suo pieno potenziale di crescita.

Nodi e internodi

Lungo lo stelo della pianta di cannabis si trovano i nodi, elementi cruciali per l’anatomia della pianta. I nodi sono i punti da cui spuntano i rami laterali. Sono fondamentali sia per far crescere piante più grandi sia per chi desidera clonare o addestrare le proprie piante. La potatura e l’addestramento avvengono spesso vicino ai nodi, quindi è essenziale che i coltivatori sappiano dove si trovano. Gli spazi tra i nodi sono chiamati internodi.

Stipole

Quando si forma un nuovo nodo, può svilupparsi anche una stipola. In altre piante, come le rose, le stipole crescono spesso sotto forma di spine per proteggere la pianta dai parassiti. Nella cannabis, invece, assomigliano a piccoli pugnali ma sono innocue e il loro scopo non è ben noto.

Foglie a ventaglio

Ogni pianta di cannabis, maschio o femmina, ha delle foglie, che sono fondamentali per la crescita. Le foglie assorbono la luce e l’umidità dall’aria, fornendo nutrienti al resto della pianta attraverso la fotosintesi. Durante la crescita, le foglie possono essere defogliate, ovvero rimosse in alcuni punti, per migliorare la circolazione di luce e aria, favorendo rese maggiori e una pianta più sana, oltre a ridurre il rischio di marciume e muffa delle cime.

Sulla parte superiore e inferiore di ogni foglia ci sono gli stomi, che si aprono e chiudono a seconda delle condizioni ambientali. Gli stomi si chiudono per evitare un’eccessiva perdita d’acqua e si aprono per assorbire acqua quando la pianta è secca.

Dall’aspetto delle foglie di cannabis si possono ottenere informazioni sulla varietà della pianta e sul suo stato di salute. Le foglie delle piante Indica sono generalmente più grosse e larghe, mentre quelle delle piante Sativa sono più lunghe e sottili

Piante di cannabis maschili e femminili

Le piante di cannabis maschili e femminili condividono molte parti comuni, ma le loro strutture riproduttive sono significativamente diverse. Le femmine possiedono molte più parti riproduttive rispetto ai maschi.

Brattea e calice

La brattea racchiude le parti riproduttive femminili. Queste strutture sono verdi, a forma di goccia, e ricoperte da ghiandole di resina. All’interno della brattea, invisibile a occhio nudo, si trova il calice, uno strato sottile che protegge l’ovulo alla base del fiore.

Stigma e pistillo

Due elementi cruciali dell’anatomia della pianta femminile di cannabis sono lo stigma e il pistillo. Il pistillo è la principale struttura riproduttiva della pianta femminile ed è ricoperto da stimmi, che appaiono come piccoli peli. La funzione di questi stimmi è catturare il polline delle piante maschili per la fecondazione, portando alla produzione di semi.

Tuttavia, molti coltivatori cercano di evitare questa fecondazione. Quando una pianta femmina viene fecondata, non produce germogli. Pertanto, è fondamentale identificare il sesso delle piante di cannabis precocemente. Solo quando la pianta femminile non viene fecondata, si concentra sulla produzione di fiori o boccioli.

Cole

Man mano che i germogli crescono, si uniscono strettamente formando fasci chiamati cole. Sebbene possano essercene molte su tutta la pianta, la cola principale si trova in cima.

Tricomi

All’interno della cola ci sono numerosi germogli ricoperti di tricomi. Questi tricomi servono geneticamente a proteggere la pianta dai parassiti, ma sono noti soprattutto per il loro elevato contenuto di cannabinoidi, in particolare il THC, che intensifica gli effetti della pianta quando consumata.

Sacchi di polline

I sacchi di polline si trovano solo sulle piante di cannabis maschili e sono essenziali per la riproduzione. Questi sacchi, trattenuti sullo stelo da un filamento, contengono le antere. Insieme, queste parti riproduttive sono chiamate stame.

I sacchi pollinici su una pianta maschile sono piccoli, misurano circa cinque millimetri, e hanno la forma di una pallina o di un uovo. Quando la pianta maschile raggiunge la maturità, queste sacche si aprono e rilasciano il polline nell’aria verso le piante femminili vicine. Questo è utile per i breeder che utilizzano due piante forti per creare semi, ma non per i coltivatori che vogliono ottenere cime di qualità. Per evitare l’impollinazione indesiderata, i coltivatori possono identificare il sesso delle piante quando entrano nella fase di fioritura e rimuovere le piante maschili dall’area di coltivazione.

Ermafroditismo

Piante perfettamente sane possono diventare ermafrodite a causa di motivi genetici o stress durante la crescita. In genere, è consigliabile distruggere le piante ermafrodite perché possono autoimpollinarsi, trasformando l’intera pianta in seme. A causa della genetica, questi semi saranno probabilmente inutili, poiché produrranno solo altri ermafroditi.

Il sesso delle piante può essere determinato facilmente quando entrano nella fase di fioritura, permettendo ai coltivatori e ai breeder di decidere come utilizzare le loro piante.

Perché il pH per la cannabis è importante?

ph cnbs

Il pH, noto anche come potenziale dell’idrogeno, è una misura dell’acidità o dell’alcalinità delle soluzioni liquide. Mantenere un pH adeguato per la cannabis durante l’irrigazione e la concimazione è uno degli aspetti fondamentali della sua coltivazione.

Anche se la cannabis non è una pianta particolarmente esigente, richiede specifici standard per prosperare. Tra questi standard c’è una finestra ristretta di pH che permette alla pianta di assorbire i nutrienti necessari per il suo sviluppo. Variazioni nei livelli di pH possono influenzare anche il colore di alcuni ceppi di cannabis. Vediamo quindi l’importanza del pH nella coltivazione della marijuana.

Nota: l’acidità è un fattore significativo e ha un effetto a catena. Questi elementi si combinano per creare o compromettere il successo del tuo progetto di giardinaggio.

Prevenire il blocco dei nutrienti

Il blocco dei nutrienti si verifica quando le piante non riescono ad assorbire i nutrienti necessari dal loro ambiente, causando effetti simili a una carenza di nutrienti e compromettendo la salute delle piante.

Ci sono due principali cause di questo problema:

  1. Sovrasaturazione con soluzioni nutritive, in particolare quelle ad alto contenuto di sali.
  2. Livelli di pH inappropriati.

Il secondo motivo è molto più comune. La cannabis necessita di un intervallo specifico di pH per assorbire correttamente i nutrienti forniti. Controllare i livelli di acidità è sempre il primo passo per risolvere i problemi di blocco dei nutrienti.

Ottimizzazione della salute delle piante

Una pianta di cannabis può crescere rigogliosa solo se riceve una quantità sufficiente di micro, macro e oligoelementi. Se rimane troppo tempo in un terreno o in un’acqua con pH sbagliato, diventa malnutrita, ostacolando la crescita e riducendo la qualità del raccolto promesso dai semi.

Per questo motivo, mantenere il pH corretto è essenziale per il successo della coltivazione della cannabis. Anche se disponi di luci e ventilazione di alta qualità, queste non avranno un grande impatto se la pianta non ha l’energia necessaria per svilupparsi.

Evitare sprechi di denaro in fertilizzanti

Anche con le migliori attrezzature e i fertilizzanti più costosi, le tue piante potrebbero appassire senza i livelli ideali di pH. Come regola generale, inizia sempre ottimizzando le condizioni di base. Introduci nuovi elementi solo quando le condizioni fondamentali sono perfette. In questo modo, i tuoi investimenti non andranno sprecati e le piante potranno assorbire tutti i nutrienti necessari per una crescita sana.

Quali sono i vantaggi di mantenere il pH ottimale per la cannabis?

Meno problemi nutrizionali

Le carenze nutrizionali, le ustioni da fertilizzanti e i blocchi di nutrienti sono sfide comuni nella coltivazione della cannabis.

Livelli di acidità corretti permettono alla pianta di assorbire tutti i nutrienti necessari, come azoto, fosforo e potassio (NPK), oltre ad altri microelementi. Questo assorbimento è cruciale per la fase vegetativa e la fioritura, garantendo piante ricoperte di cime resinose. Sebbene sia impossibile eliminare completamente il rischio di carenze o ustioni, mantenere il pH ottimale riduce significativamente queste problematiche.

Tasso di crescita più elevato

La cannabis richiede grandi quantità di azoto durante la crescita vegetativa e aumenta il fabbisogno di fosforo durante la fioritura. Senza questi elementi in abbondanza, la pianta non raggiungerà il suo pieno potenziale. L’ottimizzazione della nutrizione inizia con il mantenimento del pH corretto.

Rendimenti più elevati

La crescita stentata dovuta al blocco dei nutrienti non influisce solo sull’altezza delle piante, ma anche sulla quantità del raccolto futuro, a volte già durante la fase vegetativa. Un pH ottimale per la cannabis stimola le piante a sviluppare rami, siti di germogli e foglie resinose. Questo porta a raccolti più abbondanti, appiccicosi, aromatici e voluminosi.

Il livello di pH ideale

Il pH, che misura l’acidità e l’alcalinità, è una scala a 14 punti. Il punto centrale, 7, è neutro, come l’acqua pura. Valori inferiori a 7 sono acidi, mentre valori superiori a 7 sono alcalini.

La cannabis non prospera in ambienti completamente neutri. Essendo originaria di regioni selvagge, preferisce terreni leggermente acidi, appena sotto il punto neutro della scala. Pertanto, il pH ideale per la cannabis è piuttosto acido.

Suolo

Il pH ottimale per la coltivazione della cannabis in suolo è compreso tra 6,0 e 7,0. La pianta cresce bene in queste condizioni, che le permettono di sopravvivere e prosperare.

L’acidità del suolo varia in base al tipo:

  • Il terreno sabbioso e il terriccio tendono ad avere un pH leggermente più basso.
  • L’argilla è generalmente più alcalina.

I coltivatori outdoor che piantano direttamente nei loro giardini beneficiano di un bonus naturale: foglie, rami e organismi in decomposizione nel terreno aumentano l’acidità, creando l’ambiente di pH ideale per la cannabis.

Idroponica

La coltivazione idroponica facilita la manipolazione dell’ambiente di coltivazione, poiché non devi preoccuparti delle origini e della composizione chimica del terreno, ma solo dell’acidità. In acqua, il pH della cannabis dovrebbe essere leggermente inferiore rispetto a quello del suolo, ideale tra 5,5 e 6,5.

Altri terreni fuori suolo

L’idrocoltura non è l’unica opzione fuori suolo che semplifica la coltivazione. Anche la fibra di cocco e il muschio di torba permettono un maggiore controllo sulla qualità del mezzo di coltivazione. Come nell’idroponica, queste opzioni richiedono un pH più acido, tra 5,5 e 6,5.

Come misurare il pH della cannabis

Dovresti controllare il pH della cannabis non appena le piante mostrano segni di carenza di nutrienti. Tuttavia, prevenire è meglio che curare, quindi è consigliabile misurare i livelli di pH regolarmente e in modo coerente per prevenire problemi. Questa pratica di giardinaggio aiuta a mantenere i raccolti sani.

Utilizzando gocce

Un kit di misurazione del pH con gocce è un metodo manuale ed economico per controllare i livelli di pH della cannabis. Le gocce o le strisce cambiano colore in base ai diversi livelli di pH. Confronta il colore risultante con una tabella dei colori per determinare il pH.

Questo metodo è principalmente utilizzato per l’idrocoltura, ma l’acqua che dai alle piante in terra influisce anche sui livelli di pH. Ecco come procedere:

  1. Versa un piccolo campione d’acqua nella provetta.
  2. Aggiungi alcune gocce del fluido pH.
  3. Osserva il cambiamento di colore e confronta il risultato con il grafico.

Il cambiamento di colore indica acidità o alcalinità. I risultati sono generalmente approssimativi, quindi è meglio usare questo metodo come misura preventiva piuttosto che per diagnosticare un problema specifico.

Utilizzando un pHmetro digitale

I pHmetri digitali sono strumenti semplici e precisi per misurare i livelli di pH della cannabis. Dotati di uno schermo che mostra il valore esatto, sono più accurati rispetto ai metodi manuali. Ecco come usarli:

  1. Immergi l’estremità del pHmetro nell’acqua.
  2. Leggi il risultato sul display.

Come regolare il pH della marijuana

Aumentare il pH

L’approccio varia a seconda del tipo di mezzo, ma in entrambi i casi aggiungerai qualcosa di alcalino per bilanciare la situazione.

Suolo: Aggiungi materia organica come farina di ossa o gusci di ostriche frantumati per aumentare il pH del terreno. Per situazioni di acidità grave, la calce dolomitica e la cenere di legno duro sono più efficaci.

Idro e irrigazione: Usa una soluzione pH Up contenente idrossido di potassio o carbonato di potassio. Generalmente, aggiungi da 2 a 4 ml per litro d’acqua e controlla i livelli prima di aggiungerne altra. Nota che puoi usare la soluzione idro anche per la coltivazione in suolo, aggiungendola all’acqua di irrigazione.

Diminuire il pH

Anche in questo caso, l’approccio varia tra suolo e idrocoltura, ma l’obiettivo è aumentare l’acidità.

Suolo: Per abbassare il pH del terreno, puoi usare opzioni organiche come compost, farina di semi di cotone e muffa, che funzionano bene per squilibri lievi. Per problemi più significativi, usa segatura e pezzi di legno.

Idro e irrigazione: Un prodotto pH Down contenente acido fosforico aumenta l’acidità nei sistemi idroponici. Questa soluzione è più potente del pH Up, quindi usa 1 ml per gallone e misura sempre di nuovo prima di aggiungere altro. Nota che questa soluzione può essere utilizzata anche per l’irrigazione delle colture in suolo.

Livelli organici e di pH nella coltivazione della cannabis

Coltivare cannabis in modo biologico offre erba di qualità superiore e facilita la gestione del pH. La coltivazione biologica elimina i nutrienti chimici, spesso responsabili dell’accumulo di sali e del blocco dei nutrienti. I prodotti non chimici funzionano diversamente, supportando i microbi nel terreno.

Usa compost, vermi o farina di ossa per creare un ambiente fertile per batteri e funghi, che rendono il terreno più favorevole alla crescita delle piante.

La pioggia influenza il pH del terreno?

Le precipitazioni possono influenzare il pH del terreno, ma non sono l’unico fattore. La pioggia diluisce gli elementi alcalini, rendendo il terreno più acido nel tempo. Ecco perché le regioni tropicali con forti precipitazioni tendono ad avere terreni più acidi rispetto alle regioni aride.

SOG vs ScrOG: vantaggi e svantaggi

sogvscrog

Il dilemma tra Sea of ​​Green e Screen Of Green è comune tra i coltivatori. Un cosa è però sicura, entrambi i metodi sono eccellenti per aumentare i raccolti senza sacrificare la qualità delle cime.

Con l’aumentare della tua esperienza, queste tecniche sono esattamente ciò che dovresti praticare. Sebbene molti considerino lo ScrOG più difficile, sono comunque relativamente facili da padroneggiare e dovresti provarle entrambe.

Sativa per ScrOG, Indica per SOG

Le piante sativa sono notoriamente alte e sottili, il che le rende più difficili da gestire in ambienti indoor, specialmente con spazio verticale limitato. Tuttavia, queste caratteristiche le rendono ideali per il metodo ScrOG, poiché i loro rami più lunghi possono espandersi attraverso lo schermo.

Più rami significano più siti di germogli esposti alla luce sopra lo schermo. Varietà come Jack Herer o Amnesia sono consigliate per lo ScrOG, poiché possiedono le caratteristiche ideali per questa tecnica.

Le piante indica, invece, sono generalmente più basse e cespugliose. Sono note per avere una cima centrale grande anziché molti rami piccoli e si adattano bene al SOG con poca manutenzione. Prova varietà come Northern Lights o White Widow, classici della cannabis perfetti per questo metodo.

Se preferisci le autofiorenti, il SOG è indubbiamente la scelta migliore. Queste piante sono generalmente veloci e uniformi, e raramente diventano troppo alte per un Sea of ​​Green. Di solito sono troppo rapide per un ScrOG.

I SOG richiedono più piante?

Con il metodo ScrOG, puoi ottenere ottimi raccolti con una sola pianta, e risultati ancora migliori con due o quattro piante contemporaneamente. I SOG utilizzano lo spazio in modo diverso, raggruppando fino a 25 piante sotto una singola luce. Pertanto, il SOG richiederà un investimento maggiore in semi e non è adatto se sei limitato sul numero di piante.

SOG e ScrOG sono ottimi con i semi

Rispetto ai cloni, le piante coltivate da semi tendono ad essere più sane e a produrre raccolti più abbondanti, oltre a offrire una gamma più ampia di opzioni. Quindi, a meno che non sia una questione di tempo e tu non possa permetterti di far germogliare i semi e lasciarli crescere per una o due settimane, i semi dovrebbero essere preferiti ai cloni.

I semi di cannabis sono ideali per lo ScrOG. Avrai tutto il tempo necessario per addestrare la pianta a crescere orizzontalmente e la radice a fittone (che i cloni non hanno) fornirà inizialmente una base molto più robusta.

Questo è importante perché lo ScrOG richiede molto da una singola pianta. Più forte è il sistema radicale, migliori saranno i risultati complessivi.

I semi sono ottimi anche per un SOG per ragioni simili. Sebbene la forza delle radici sia importante, è fondamentale mantenere un ambiente di crescita privo di malattie, parassiti e infestazioni. I cloni sono spesso portatori di parassiti e patogeni.

Non importa quanto sia pulito il tuo spazio di coltivazione, se i tuoi cloni hanno problemi, tutta la coltivazione sarà compromessa e tali problemi si diffonderanno molto più rapidamente in un SOG.

E se i tuoi semi producessero piante di dimensioni diverse? È vero che i semi possono dare origine a fenotipi con altezze diverse, rendendo più difficile mantenere uniforme la chioma. Tuttavia, le variazioni tendono ad essere gestibili e offrono l’opportunità di addestrare le piante e sfruttare l’altezza extra.

Nel caso (altamente improbabile) in cui una pianta non vada bene, puoi semplicemente rimuoverla e raggruppare le piante rimanenti più vicine tra loro.

Manutenzione: quale sistema ne richiede meno?

La maggior parte dei coltivatori concorda sul fatto che i SOG richiedono maggiore manutenzione. Questo è dovuto al tempo necessario per monitorare e regolare costantemente la temperatura e l’umidità dell’area di coltivazione.

Con molte piante raggruppate insieme, sarà necessario ventilare, potare e controllare regolarmente per parassiti e agenti patogeni. Dovrai mantenere molte piante e prestare attenzione all’alimentazione e all’irrigazione

Lo ScrOG impiega un numero inferiore di piante, quindi c’è meno lavoro da dedicare al loro mantenimento. Però, nutrire correttamente la pianta attraverso il telaio può risultare complicato e c’è il rischio di danneggiarla se non si presta attenzione. Tuttavia, con una mano leggera e una certa attenzione, lo ScrOG garantisce rendimenti elevati con minori richieste di luce, acqua e sforzo rispetto al SOG.

ScrOG vs SOG: qual è il migliore?

Non esiste una risposta definitiva a questa domanda poiché ogni coltivatore ha esigenze diverse e livelli di abilità ed esperienza variabili. Ad esempio, se sei un coltivatore medico con la possibilità di coltivare fino a 24 piante contemporaneamente e hai bisogno di ottenere rapidamente una grande quantità di medicina, il SOG potrebbe essere la scelta migliore. È un metodo rapido ed efficiente per aumentare significativamente i rendimenti. Tuttavia, se questa è la tua prima esperienza di coltivazione, è meglio valutare attentamente il SOG. Poiché i problemi possono diffondersi rapidamente tra le piante dense e potresti non avere l’esperienza necessaria per riconoscerli in tempo.

Lo ScrOG è ideale per chi è limitato a poche piante. Anche i principianti possono ottenere un ottimo raccolto da soli con un paio di piante di cannabis, riducendo così i costi dei semi e ottenendo comunque notevoli ricompense.

Lollipopping per rese mostruose: una guida pratica

lollipop

Il lollipopping nella coltivazione della canapa è una tecnica di potatura finalizzata a ottenere cime più grandi e di migliore qualità. Questa pratica consiste nel rimuovere le foglie e i rami inferiori delle piante di cannabis al fine di concentrare l’energia solare, i nutrienti e la crescita sui principali siti di sviluppo delle cime. Inoltre, viene eliminata la crescita dei “Popcorn buds” in modo che la pianta possa focalizzarsi su cime più grandi e più robuste.

Il lollipopping è una pratica che sostanzialmente modifica la pianta per renderla il più produttiva possibile. Questo metodo mira a eliminare la crescita debole e concorrenziale, consentendo così alle cime più vicine alla fonte luminosa di svilupparsi in modo più intenso, producendo una resina di alta qualità per il consumo. Senza un’illuminazione laterale o lampade ad alta penetrazione, gran parte della luce che stimola la fotosintesi non raggiungerà le parti inferiori della pianta. Il lollipopping può anche essere utile nella coltivazione di varietà di cannabis indica densamente ramificate, che sono più suscettibili alla muffa, specialmente in climi umidi. Inoltre, praticare il lollipopping sulle piante coltivate all’aperto in ambienti umidi può fare una notevole differenza nel risultato finale.

Perché praticare il lollipopping?

È un argomento dibattuto nella comunità dei coltivatori, ma ci sono validi motivi per farlo! Due principali argomentazioni contro il lollipopping sono:

  1. Le grandi foglie inferiori forniscono una superficie maggiore per la fotosintesi.
  2. Le cime rimosse sono fumabili, rendendo il lollipopping della cannabis apparentemente inutile.

Quindi, perché dovresti considerare questa pratica? Se non intervieni con il lollipopping, la pianta crescerà ad albero di Natale, con una chioma così densa che poca o anche zero luce potrebbe arrivare in fondo una volta che raggiunge la fase di fioritura. Ciò può portare a cime “popcorn” ariose, che mancano di potenza, aroma e attrattiva.

Quando pratichi il lollipopping, è vero che perdi una parte del fogliame, ma questa perdita non è significativa. Le parti della pianta che desideri far crescere continuano a svilupparsi, emergendo più grandi e più potenti di prima.

Inoltre, un altro vantaggio è una migliore circolazione dell’aria. Ciò significa meno rischio di muffe, un flusso d’aria migliorato e un sistema di irrigazione più sicuro.

Quando pianificare il lollipopping?

Se chiedi su un forum di coltivatori, otterrai una serie di risposte diverse. Tuttavia, il consenso generale e l’approccio più raccomandato sembra essere di praticare il lollipopping durante la fase vegetativa. È consigliabile attendere che si avvicini la fase di fioritura, poiché le foglie sono cruciali per la fase vegetativa della pianta.

Effettuare il lollipopping durante la fase vegetativa consente alla pianta di recuperare dall’eventuale stress causato dalla potatura prima che inizi la fioritura. Si consiglia di attendere circa una settimana prima di cambiare il regime di illuminazione, in modo che la pianta possa entrare nella fase di fioritura in modo sano e felice.

E durante la fase di fioritura? È possibile effettuare alcune potature leggere, facendo attenzione, ma evita di eseguire un lollipopping intenso come si farebbe durante la fase vegetativa.

Guida passo passo al lollipopping

Ora che hai compreso l’importanza del lollipopping sulla canapa, è tempo di imparare come farlo passo dopo passo.

  1. Prepara l’attrezzatura: Scegli le cesoie come strumento principale, ma assicurati di avere anche delle forbici da rifinitura curve per tagli precisi. È importante che gli strumenti siano puliti, affilati e privi di contaminanti.
  2. Rimuovi i rami laterali inferiori: Inizia tagliando i rami più grandi e frondosi vicino alla base della pianta, dove c’è scarsa luce. Concentrati su queste aree poiché sono le principali fonti di problemi.
  3. Rimuovi i rami centrali: Non tutti i rami! Taglia quelli che si trovano sotto la chioma, riducendo l’altezza della pianta di circa un terzo.
  4. Lollipopping dei singoli rami: Prendi le forbici curve e taglia tutto sotto i quattro o cinque nodi più in alto sui rami rimasti.
  5. Lascia che la cannabis si riprenda: Ora la tua pianta di cannabis dovrebbe avere l’aspetto di un vero lecca-lecca: uno stelo sottile con una sommità densa. Non passare alla fase di fioritura per almeno alcuni giorni dopo aver fatto il lollipopping.

Lollipopping e altre tecniche di coltivazione

L’utilizzo del lollipopping si rivela particolarmente efficace con piante indica densamente ramificate e varietà di sativa dalle altezze elevate. Se il tuo obiettivo è massimizzare i rendimenti, puoi combinare questa tecnica con altre pratiche di allenamento per ottenere benefici maggiori.

Il lollipopping si sposa bene con il metodo di allenamento “Screen of Green” (SCROG), il quale mira a creare una chioma uniforme per garantire una distribuzione ottimale della luce e una crescita uniforme delle piante. Combinare il lollipopping con lo SCROG può amplificare i vantaggi di entrambe le tecniche.

Un’altra opzione è il metodo “Sea of Green” (SOG), in cui vengono coltivate molte piccole piante di cannabis per formare una densa chioma di foglie. Questo può limitare la penetrazione della luce in profondità, ma tale problema può essere mitigato praticando il lollipopping sulle piante.

Tuttavia, è importante notare che, sebbene il lollipopping possa essere vantaggioso anche per le varietà autofiorenti a crescita cespugliosa, è consigliabile essere cauti nell’abbinarlo ad altre tecniche. Le piante autofiorenti hanno cicli di vita più brevi, il che significa che hanno meno tempo per riprendersi dai danni causati dalle potature e dalle manipolazioni.

Le 7 fasi della vita della cannabis

7stadi

La cannabis, pianta versatile e dalle molteplici sfaccettature, attraversa una serie di stadi distinti durante il suo ciclo di vita. Questi stadi, che vanno dall’embrione alla fioritura, sono cruciali per comprendere il ciclo vitale completo della pianta e per massimizzare la sua resa e qualità. Esploriamo i sette stadi della vita della cannabis:

Quanto dura il ciclo di vita medio della cannabis?

La durata della coltivazione della cannabis varia in base a diversi fattori, tra cui la varietà specifica che si sta coltivando. Le varietà indica tendono ad avere cicli di crescita più brevi rispetto alle varietà sativa. Le sativa possono richiedere fino a 8 mesi per maturare completamente, mentre le indica sono spesso pronte per essere raccolte entro 12 settimane.

Le varietà a fioritura rapida possono essere pronte per la raccolta entro otto settimane, mentre le varietà autofiorenti sono in vegetativa solo due o quattro settimane prima di iniziare a produrre cime senza la necessità di cambiamenti nella durata della luce.

Inoltre, anche il luogo in cui viene coltivata la cannabis può influenzare il tempo necessario per completare il ciclo di crescita. La temperatura, l’umidità e altri fattori ambientali possono influenzare la velocità con cui le piante progrediscono attraverso le fasi della loro crescita.

Fase 1: Seme

All’interno del seme si trova un embrione, una piantina in miniatura con uno stelo, una radice e due piccole foglie, che giace in uno stato dormiente, in attesa delle condizioni ambientali ideali per germinare e crescere.

Durante questa fase di quiescenza, l’embrione ottiene i nutrienti necessari dall’endosperma del seme, il che spiega la sua capacità di conservazione nel tempo. Tuttavia, la vitalità del seme raggiunge il picco entro un anno, dopo di che la maggior parte dei nutrienti si esaurisce, riducendo le probabilità di germinazione con successo.

Per conservare i semi in modo ottimale e prolungarne la durata di vita, è consigliabile mantenerli in un ambiente fresco, buio e asciutto, come ad esempio un frigorifero. Questo aiuta a preservare i nutrienti e a prevenire una germinazione prematura accidentale, che potrebbe compromettere il successo della crescita futura della pianta.

Evitare contenitori comuni come barattoli o sacchetti di plastica è importante, poiché possono intrappolare l’umidità, favorendo la formazione di muffe e causando la germinazione precoce.

Fase 2: Germinazione

Sottoporre i semi a specifiche condizioni ambientali fa uscire le piantine dal loro stato di dormienza, rompendo i loro gusci e avviando la crescita di una radice primaria. È cruciale essere preparati ad affrontare l’intero ciclo di crescita delle piante fin dall’inizio.

Evitare di impiegare tempo e risorse su semi di scarsa qualità è essenziale. Semi verdi o bianchi e che hanno una consistenza molle sono probabilmente danneggiati e devono essere scartati. I semi sani e vitali, invece, presentano una colorazione marrone, sono asciutti e duri al tatto.

Durante la germinazione, è fondamentale mantenere i semi costantemente umidi. L’umidità attiva gli enzimi presenti nei semi, che a loro volta liberano l’energia necessaria dalla riserva di nutrienti del seme per favorire la crescita delle piantine.

Fase 3: Piantina

Congratulazioni per aver progredito attraverso le prime fasi della crescita e per aver trasferito la piantina in un vaso. Questo delicato passaggio richiede molta attenzione mentre sposti la pianta nel suo primo substrato.

In questa fase, noterai l’emergere di due foglie rotonde chiamate cotiledoni, mentre il piccolo stelo si libera dalla sua guaina essiccata per estendersi verso l’alto. Queste foglie sono fondamentali per assorbire l’energia proveniente dalla prima esposizione alla luce solare.

Per favorire il successo delle tue piantine mentre avanzano verso le prossime fasi di crescita, è essenziale mantenere un ambiente caldo e umido. Le temperature ideali oscillano tra i 20 e i 30 gradi Celsius, con un’umidità compresa tra il 75% e l’85%.

In questa fase, è importante garantire un ciclo luce-buio di 18 ore di luce e 6 ore di buio. Le foglie sono particolarmente sensibili, quindi è consigliabile utilizzare lampade CFL o LED per ridurre l’intensità della luce e del calore, assicurandosi che siano posizionate a una distanza ottimale. Se troppo lontane, le piante potrebbero allungarsi e diventare deboli.

Durante le 2-3 settimane in cui le piante si trovano in questa fase, sono particolarmente vulnerabili a muffe e malattie. Mantenere l’area circostante pulita e utilizzare un flacone spray per l’irrigazione può aiutare a prevenire l’accumulo di umidità a livello del suolo e ridurre il rischio di malattie.

Fase 4: Vegetativa

Di solito, la fase vegetativa si estende maggiormente nel tempo, variando da 3 a 16 settimane a seconda della varietà. Durante questa fase, la pianta crescerà rapidamente.

A questo punto, puoi iniziare ad applicare tecniche di addestramento come la cimatura per mantenere la pianta a dimensioni gestibili. Inoltre, assicurati di fornire un apporto adeguato di azoto per favorire la crescita di un folto fogliame.

I coltivatori indoor possono considerare il passaggio da luci CFL o LED a luci ad alogenuri metallici (MH), mantenendo lo stesso programma di illuminazione. È importante mantenere la temperatura tra i 22 e i 24 gradi Celsius.

Per preparare le piante per la prossima fase del ciclo di crescita, è consigliabile ridurre l’umidità dell’ambiente di circa il 5% ogni settimana fino a quando non raggiunge il range ottimale del 45-55%.

Fase 5: Pre-fioritura

La pre-fioritura, considerata l’inizio del processo di fioritura, non è formalmente classificata come una fase separata nel ciclo di vita della cannabis dal punto di vista scientifico. Tuttavia, è un momento cruciale nella vita della pianta di marijuana che richiede particolare attenzione.

Solitamente, la pre-fioritura inizia intorno alla quarta settimana della fase vegetativa, con l’emergere dei primi segni visibili degli organi sessuali ai nodi della pianta.

Durante questa fase, le piante di cannabis richiedono una maggiore quantità di potassio e fosforo per sostenere il processo di fioritura.

Le piante di cannabis possono maturare in tre sessi distinti: femmina, maschio ed ermafrodito. I primi fiori delle piante femminili sono chiamati pistilli e sono caratterizzati da stimmi simili a peli che emergono da calici verdi. Questi pistilli sono essenziali per catturare il polline proveniente dai maschi e sviluppare cime dense con elevate concentrazioni di THC e CBD.

I maschi, al contrario, sviluppano piccole sacche polliniche a forma di sfera ai nodi della pianta. Questi fiori maschili non contengono i composti desiderati dai coltivatori e dai consumatori presenti nelle femmine e sono utili solo se si desidera far riprodurre la pianta. Tuttavia, i maschi non desiderati possono influenzare negativamente i raccolti delle piante femminili fino a tre miglia di distanza, pertanto è cruciale identificarli e rimuoverli rapidamente nel caso la produzione di semi non sia l’obiettivo.

Le piante ermafrodite devono essere trattate come maschi, poiché possono produrre fiori maschili e femminili. Alcuni sono riconoscibili grazie ai pistilli unici, mentre altri possono sviluppare sacche polliniche a forma di banana.

Fase 6: Fioritura

Circa quattro o cinque settimane dopo l’inizio della pre-fioritura, termina questa fase e inizia la fioritura. In questa fase della crescita della cannabis, la crescita vegetativa si ferma e l’energia della pianta viene indirizzata verso lo sviluppo accelerato delle gemme.

Dalla sesta settimana, le piante entrano nella fase tardiva della fioritura. Durante questo periodo, la produzione di tricomi aumenta, rendendo le cime delle piante grasse e appiccicose, mentre i pistilli cominciano a cambiare colore.

Per sostenere le piante durante questo periodo critico, è necessario aumentare l’irrigazione e il nutrimento.

Circa una settimana prima dell’anticipata raccolta, è consigliabile interrompere completamente l’uso di fertilizzanti e sciacquare le piante con acqua pH 6,5. Questo aiuta a prevenire che le cime assorbano sapori sgradevoli dai fertilizzanti.

A questo punto del ciclo di crescita della cannabis, i coltivatori indoor devono regolare il ciclo di illuminazione da 12 ore di luce e 12 ore di buio. Qualsiasi interruzione potrebbe far ritornare le piante in fase vegetativa.

La temperatura durante il giorno dovrebbe rimanere costante a 26-27°C, mentre di notte può tranquillamente scendere a 18°C. È inoltre consigliabile ridurre gradualmente l’umidità dell’aria nella stanza, riducendola dal 5% fino al raggiungimento del range ottimale del 35-45%, al fine di ridurre il rischio di muffe e marciume.

Fase 7: Raccolta

Il ciclo di vita della cannabis raggiunge la sua conclusione quando i fiori smettono di crescere e raggiungono la piena maturazione, diventando densi, aromatici e ricchi di resina.

Durante questo periodo, i pistilli dei fiori cominciano ad arricciarsi e a scurirsi, mentre i tricomi, coperti di cristalli, aumentano in quantità e cambiano colore. Queste strutture sono responsabili del trasporto di terpeni, cannabinoidi e flavonoidi, conferendo agli infiorescenze le loro proprietà distintive.

È fondamentale monitorare attentamente questi cambiamenti per essere pronti a raccogliere la cannabis al suo massimo potenziale, noto come picco di maturazione. Aspettare troppo a lungo può provocare la degenerazione della pianta, con una rapida diminuzione del contenuto di THC.

La fase di raccolta rappresenta uno dei momenti più emozionanti e gratificanti del processo di coltivazione della cannabis. Essere in grado di riconoscere i segni di maturità richiede competenza e pazienza, poiché raccogliere troppo presto o troppo tardi potrebbe compromettere la qualità e il potenziale della cannabis.

Perché comprendere le fasi di crescita della cannabis è fondamentale?

Comprendere le varie fasi di crescita della cannabis è cruciale per il successo complessivo della coltivazione. Ogni fase, dall’inizio alla fine, riveste un’importanza pari alle altre. Il conoscere le esigenze specifiche della pianta e il momento in cui queste esigenze devono essere soddisfatte è essenziale per garantire una crescita robusta e sana delle piante.

Armarsi di questa conoscenza consente di pianificare in anticipo e preparare le condizioni ottimali, come temperatura, illuminazione, umidità e apporto nutritivo, per favorire una crescita ottimale in ogni fase del ciclo di vita della cannabis.

Botrite: come affrontare la muffa grigia

marciume

I patogeni, che includono batteri, virus e funghi, sono presenti in tutti gli esseri viventi. Queste entità microscopiche sono cruciali per la nostra sopravvivenza, ma alcune possono risultare dannose e provocare una serie di problemi. Le piante di cannabis non fanno eccezione e possono essere soggette all’attacco di agenti patogeni pericolosi. Uno dei più gravi è il marciume delle gemme, conosciuto anche come muffa grigia o botrite.

Il marciume delle gemme è una malattia fungina che può infestare completamente una coltivazione di marijuana. È di vitale importanza per i coltivatori comprendere le cause, riconoscere i segnali e controllare questa malattia per garantire una buona resa delle piante.

La muffa più comune nella cannabis

Il marciume delle gemme è causato dal fungo Botrytis cinerea. Questo fungo prospera in ambienti umidi e freschi, condizioni ideali sia per la crescita delle piante di marijuana che per lo sviluppo della muffa grigia. Attacca indipendentemente dallo stadio di crescita della pianta, colpendo sia i germogli appena formati che quelli completamente sviluppati. Una volta insediato, il fungo si diffonde rapidamente, minacciando la salute di tutto il raccolto.

Anche i coltivatori più esperti possono trovarsi ad affrontare il problema della putrefazione delle cime di cannabis. È difficile evitarlo poiché il fungo responsabile può diffondersi attraverso diversi mezzi, come l’aria, l’acqua, i vestiti, gli animali e persino i cloni.

Come riconoscere il marciume delle gemme?

La putrefazione delle gemme è caratterizzata da steli opachi e molli, che iniziano a svilupparsi proprio alla base dei germogli. Anche le piante più mature non sono al riparo dall’attacco della muffa grigia: una volta colpite, le gemme mostreranno segni di marciume con una consistenza morbida e un colore bianco, che successivamente diventa grigio scuro, mentre le macchie grigie si diffondono su tutta la pianta infetta.

Ci sono anche altri segnali a cui prestare attenzione per riconoscere la presenza del marciume delle gemme.

  • Boccioli scoloriti: Se noti che una parte delle cime appare secca o priva di colore, è importante controllare attentamente il gambo alla ricerca di segni di muffa grigia. I boccioli colpiti presenteranno macchie nere, grigie o marroni e avranno una consistenza secca che si sfalderà facilmente. Anche se il resto della pianta sembra essere in buona salute, ciò non garantisce la sua incolumità.
    Sulle piante mature, il fungo tende a colpire prima le zone più umide, preferendo un ambiente umido. Le foglie più esposte alla nebulizzazione o più lontane dalle fonti di ventilazione sono particolarmente a rischio.
  • Cime scure e secche: La “cola” è una densa aggregazione di cime che si forma nella parte superiore del fusto principale della pianta. Se la cola appare di un marrone scuro e ha un aspetto secco, potrebbe essere un segno di infezione da marciume delle cime.
  • Foglie gialle: Prima di perdere il colore, le foglie possono iniziare a appassire. Con la maturazione della muffa grigia, le foglie passeranno da un verde vibrante a un giallo dovuto alla mancanza di clorofilla e diventeranno appiccicose e molli. Il fungo sottrae gradualmente tutte le sostanze nutritive alla pianta, causandone alla fine la morte

Come trattare il marciume delle gemme

Se rilevate alcuni di questi segnali nelle vostre piante di marijuana e temete che il problema del marciume delle cime possa compromettere il vostro raccolto, non agitatevi. Esistono metodi per affrontare il dilemma prima che sia troppo tardi.

Dovrete agire rapidamente, poiché l’agente patogeno si diffonde in modo esponenziale. Il marciume delle gemme potrebbe annientare l’intero giardino in una sola settimana.

Eliminare tutte le gemme colpite

Quando il fungo è presente, non cercate di salvare le piante infette. Il vostro obiettivo sarà piuttosto proteggere le colture sane dall’agente patogeno. Dovrete rimuovere tutte le gemme colpite.

A volte ciò può significare tagliare alcune foglie dallo stelo, altre volte dovrete sradicare l’intera pianta, comprese radici e fusto. Durante questa operazione è cruciale evitare che i funghi entrino in contatto con altre colture. Potrebbe essere necessario rimuovere il vaso dall’ambiente prima di procedere con la potatura.

Accertarsi che il resto della pianta sia privo di marciume

Una volta risolto il problema più evidente, sarà il momento di fare da ispettori. Il marciume delle gemme si diffonde rapidamente, quindi è possibile che si trovi in altre parti della pianta che non sono facilmente visibili.

Dedicate del tempo a cercare e assicuratevi che tutte le colture siano esenti da marciume. Solo così potrete risolvere il problema e continuare a coltivare piante sane.

Lasciar maturare i germogli

Nelle prossime giornate e settimane, monitorate attentamente il vostro raccolto. Consentite ai germogli di maturare e crescere normalmente. Se notate la ricomparsa della muffa grigia, dovrete ripetere i passaggi 1 e 2.

Raccogliere immediatamente la pianta

In alcuni casi, il marciume delle gemme potrebbe diffondersi in tutto l’ambiente di coltivazione. Anche se rimuovete le aree infette, la muffa grigia continuerà ad attaccare. Quando ciò accade, dovrete raccogliere tutte le foglie mature e trasferirle altrove. Il resto dovrà essere eliminato.

Svuotate il terreno e disinfettate accuratamente i contenitori. Pulite lo spazio eliminando l’umidità dalle pareti, dai tavoli, dagli strumenti e da qualsiasi altro materiale utilizzato durante la coltivazione.

Dopo di che, sarà necessario ricominciare da zero con nuovo terreno e nuovi semi.

Prevenzione

Prevenire un problema è molto più efficace che cercare di risolverlo una volta insorto. Ecco alcuni consigli su come prevenire la putrefazione delle gemme.

In giardino

Monitorare l’umidità: Durante la fase vegetativa, l’umidità ideale varia dal 40% al 70%. Quando le piante entrano in fase di fioritura, è consigliabile ridurre l’umidità al 40-50%, e successivamente, man mano che la pianta matura, mantenerla intorno al 40% o meno. Attenzione alle pozzanghere o all’acqua stagnante, poiché possono favorire la crescita di funghi che potrebbero poi diffondersi alle piante attraverso l’aria.

Potatura: La potatura delle foglie è un metodo preventivo contro la putrefazione delle gemme. Quando le foglie sono troppo vicine e si toccano, possono creare condizioni umide ideali per la formazione di muffa.

Training: L’addestramento delle piante implica il controllo della loro crescita in una direzione specifica. Solitamente viene eseguito mediante l’uso di pali, legando insieme gli steli man mano che crescono. Questo processo è utile per evitare che le piante si sovrappongano o si intreccino e consentire un adeguato flusso d’aria tra di loro.

Sperimentare un diverso programma di irrigazione: È importante evitare ristagni d’acqua e un’eccessiva umidità nell’ambiente circostante le piante. Se notate che le vostre piante rimangono costantemente umide, potrebbe essere necessario modificare il programma di irrigazione riducendo il numero di irrigazioni al giorno. Le piante possono reagire in modi diversi a vari livelli di umidità e alle stagioni dell’anno. È possibile testare diversi programmi di irrigazione per trovare quello più adatto.

Modificare l’apporto di nutrienti: L’ammendamento del terreno consiste nell’aggiungere materiali al suolo per renderlo più adatto alla coltivazione. Senza questa pratica, le piante potrebbero assorbire eccessive quantità di sostanze nutritive dal terreno, rendendole più vulnerabili alle infezioni. Una volta esauriti i nutrienti presenti nel terreno, le piante diventano più deboli a causa della mancanza di sostentamento, aumentando la loro suscettibilità alle malattie.

Nell’essiccatoio

Raccogliere i germogli quando asciutti: La raccolta dei germogli quando completamente asciutti è essenziale per garantire la qualità del raccolto. È consigliabile pianificare la raccolta in base al proprio programma di irrigazione per ridurre al minimo il rischio di introdurre funghi nell’essiccazione, poiché questi organismi prosperano in ambienti umidi. Nel caso in cui si notino foglie umide, è consigliabile agitarle delicatamente o favorire una buona circolazione d’aria prima di lasciare il giardino.

Rimuovere le foglie a ventaglio: Queste foglie tendono a ingombrare lo spazio e a ostacolare il flusso d’aria nel giardino. Trasferire queste foglie nella stanza di essiccazione permetterà di mantenere il raccolto sano e abbondante, creando allo stesso tempo spazio per la crescita delle piante più piccole.

Lasciare spazio sufficiente tra i boccioli: durante il processo di essiccazione, è consigliabile per due motivi principali: garantire un adeguato flusso d’aria per un’essiccazione efficiente e prevenire la diffusione del marciume delle gemme da una cima all’altra.

Creare l’ambiente di essiccazione ottimale: È consigliabile mantenere la temperatura della stanza intorno ai 20°C o inferiore, evitando temperature più elevate che potrebbero compromettere la qualità del raccolto. È importante anche ridurre gradualmente l’umidità fino al 40% o meno, utilizzando un flusso d’aria di qualità nella stanza. È consigliabile evitare di soffiare direttamente l’aria sulle foglie, preferendo un ventilatore a soffitto al minimo o l’utilizzo di una finestra per favorire una brezza naturale. Un ambiente buio favorirà la conservazione della clorofilla e, di conseguenza, influenzerà positivamente il gusto del prodotto finale.

Foglia di cannabis: Varietà, funzioni ed utilizzi

foglie

Molto tempo prima dell’era moderna, le società antiche l’hanno impiegata come simbolo di pace e saggezza. Per esempio, nella mitologia egizia, la dea Seshat è stata identificata come “colei dalle sette punte”, un chiaro riferimento alla foglia di marijuana.

Una delle parti più riconoscibili della pianta di cannabis è la sua iconica foglia. Ma quali sono esattamente le caratteristiche di questa foglia e cosa dovresti sapere su di essa?

Struttura della foglia di cannabis

La foglia di cannabis è composta da diverse parti, ciascuna con una funzione specifica. La parte principale è la lamina fogliare, che è la parte piatta e verde della foglia. Le foglie di cannabis sono tipicamente palmate, con diverse foglioline (o lobi) che si estendono dalla nervatura centrale.

Le foglie di cannabis sono caratterizzate dalla presenza di un certo numero di piccole strutture a forma di denti lungo i bordi delle dita, chiamate denti o margine segato. Questi denti possono variare in forma e dimensione a seconda della varietà di cannabis.

Ruolo della foglia di cannabis

Come molte altre piante, la foglia di cannabis svolge un ruolo vitale nella fotosintesi, il processo attraverso il quale le piante producono il loro nutrimento utilizzando la luce solare, l’anidride carbonica e l’acqua. Le foglie di cannabis contengono clorofilla, il pigmento verde responsabile della cattura dell’energia solare durante la fotosintesi.

Durante la fotosintesi, le foglie di cannabis assorbono la luce solare attraverso la clorofilla e utilizzano questa energia per convertire l’anidride carbonica e l’acqua in zuccheri e ossigeno. Questi zuccheri sono poi utilizzati dalla pianta come fonte di energia per la crescita e lo sviluppo.

Varietà di foglie di cannabis

Le foglie di cannabis possono variare notevolmente in dimensioni, forma e colore a seconda della varietà di cannabis. Alcune varietà hanno foglie sottili e allungate, mentre altre hanno foglie più larghe e tonde. Il colore delle foglie può essere verde scuro, verde chiaro o addirittura violaceo, a seconda dei fattori genetici e ambientali.

Anche se vi sono varie forme di foglie di erba, esse tendono in genere a seguire uno schema simile. Per esempio, alcune varietà di erba possono presentare 9 o 13 dita, sebbene ciò sia piuttosto raro. Di solito, le foglie si sviluppano con 3, 5 o 7 dita, mentre quelle con un numero pari sono estremamente insolite.

Poiché esistono tre principali varietà di cannabis, cioè sativa, indica e ruderalis, si riscontrano altrettante variazioni nelle foglie dell’erba. Le maggiori difficoltà nell’identificare l’erba attraverso le foglie sorgono con gli ibridi, poiché presentano caratteristiche ereditate da entrambi i genitori.

Foglia sativa

Le foglie della varietà Sativa di marijuana comunemente presentano fino a 13 dita. Analogamente ad altre varietà, è raro trovarne con un numero pari, e c’è persino un mito che attribuisce fortuna a chi ne trova una.

Le foglie della cannabis Sativa sono lunghe e sottili, con margini dentellati. Di solito hanno un fogliame poco fitto, il che favorisce un adeguato flusso d’aria. Le piante Sativa tendono ad essere molto alte, spesso superando i 2 metri di altezza.

A seconda della specifica variante, le foglie della marijuana Sativa possono variare dal verde molto vivace al verde scuro della foresta. Anche i loro germogli mostrano caratteristiche simili, spesso sono leggeri e soffici. Nonostante l’apparenza delicata, queste piante sono estremamente robuste e dotate di un potente potenziale di crescita.

Le piante di cannabis, sia maschio che femmina, condividono una struttura fogliare e un modello di crescita simili. La differenza principale tra di loro diventa evidente circa sei settimane dopo la germinazione: le femmine sviluppano dei peli alle giunture delle foglie Sativa, mentre i maschi no.

Foglia indica

Le foglie della cannabis Indica presentano una struttura generale simile alla Sativa e anch’esse hanno margini frastagliati. Tendenzialmente, le foglie dell’Indica presentano 5, 7 o 9 dita, con pochissime eccezioni che ne hanno più di 13. Nei casi di incroci o ibridi, spesso si osservano caratteristiche miste che portano a variazioni interessanti.

Le piante di Indica sono generalmente resistenti agli insetti, ma possono essere vulnerabili a funghi e muffe. Le foglie sono spesse e robuste, meno appetibili per gli insetti, ma la densità del fogliame può trattenere l’umidità, rendendole soggette alla muffa. Per questo motivo, è consigliabile garantire una buona ventilazione per le varietà Indica, specialmente negli ambienti indoor e in serra.

Le foglie delle piante Indica tendono ad avere un colore più scuro rispetto alle Sativa, spesso presentando tonalità di verde oliva, con rare eccezioni di verde chiaro. Allo stesso modo, le gemme sono di solito più scure e più dense rispetto alle varietà Sativa.

Foglia ruderalis

Le foglie di cannabis Ruderalis sono spesso confuse con giovani varietà di Indica o Sativa. Il colore del fogliame può variare dal verde scuro al verde chiaro, ma le differenze principali si manifestano dopo circa otto settimane di crescita.

Come le Indica, le piante Ruderalis non crescono molto in altezza e le foglie sono corte e larghe, anche se meno dense. Il loro colore può variare notevolmente, con alcune foglie di un verde brillante.

Mentre le Sativa e le Indica mostrano più somiglianze nelle gemme che nelle foglie, le Ruderalis tendono a produrre cime più soffici e accumulano meno resina. Questo può essere attribuito all’ambiente di crescita.

La scoperta della cannabis Ruderalis da parte di DE Janischevskij continua a sollevare discussioni tra i botanici. Le foglie Ruderalis possono avere da 5 a 13 dita e il loro colore varia dal verde chiaro al verde scuro. I principali vantaggi della Ruderalis includono la crescita rapida e la capacità autofiorente.

I coltivatori possono sfruttare la genetica autofiorente della Ruderalis negli ambienti indoor e in serra per aumentare i rendimenti e la potenza, senza dipendere dalla luce solare per la fioritura. Aumentare la disponibilità di luce e nutrienti per le piante Ruderalis significa evitare ritardi nel passaggio allo stadio vegetativo.

Si possono fumare le foglie?

È possibile fumare una foglia? In breve, sì. Le foglie possono farti sballare? Non proprio. Tecnicamente, puoi fumare qualsiasi cosa se la riscaldi abbastanza, ma ciò non significa sempre che dovresti. Tuttavia, a volte si possono fumare le sugar leaves (foglie di zucchero).

Le foglie di zucchero si trovano solitamente attorno alle cime, ricoperte da uno strato bianco di tricomi. Spesso vengono tagliate e sono più piccole di tutte le altre foglie. Queste foglie zuccherine hanno livelli di THC e CBD molto più elevati rispetto alle foglie a ventaglio, ma inferiori a quelli dei fiori stessi.

Le foglie a ventaglio contengono poco o nessun cannabinoide e se usi pesticidi o altri prodotti chimici sulle foglie di cannabis, non dovresti fumarle. Inoltre, molti consumatori riferiscono mal di testa a causa del fumo di foglie compromesse. Anche se non contengono THC, alcuni fumano le foglie di cannabis come alternativa al tabacco. Questo perché non contengono nicotina e non creano dipendenza. Un ulteriore vantaggio è che contengono ancora alcuni livelli di CBD, anche se molto bassi.

Usi alternativi per le foglie di cannabis

Se getti via le foglie di marijuana dopo la raccolta, potresti perdere l’opportunità di sfruttarne appieno l’utilità. A seconda del tipo di foglia, ci sono vari usi che potresti considerare.

Le foglie a ventaglio sono ricche di sapore e fitonutrienti che favoriscono la salute e il benessere. Aggiungere foglie di cannabis crude al frullatore durante la preparazione di un frullato è un ottimo modo per arricchire la dieta con diverse vitamine, acidi grassi omega, proteine e fibre.

Le foglie zuccherine presentano livelli più elevati di cannabinoidi, rendendole ottime per la preparazione di burro, tè o tonici. Spesso ricoperte di resina appiccicosa, queste foglie catturano più sapore rispetto alle foglie a ventaglio.

Il compostaggio delle foglie di cannabis rappresenta un altro modo ideale per smaltirle, consentendo di restituire al terreno i nutrienti persi e completare un ciclo di vita naturale. I microrganismi presenti nel compost aiutano anche ad aerare il terreno e a decomporre altri rifiuti organici, contribuendo alla prevenzione delle malattie.

Infine, puoi intrecciarle. Le foglie e gli steli delle piante di cannabis costituiscono la base dei prodotti a base di canapa. Con l’attrezzatura e la tecnica corrette, puoi filare le fibre in un filo e, con abbastanza abilità e pratica, puoi creare vestiti di canapa direttamente a casa tua.

Mutazioni delle piante di cannabis che dovresti conoscere

mutazioni

Le mutazioni della cannabis sono variazioni genetiche naturali o indotte che si verificano nel patrimonio genetico della pianta di cannabis. Queste mutazioni possono influenzare una serie di caratteristiche della pianta, tra cui aspetto, crescita, sapore, contenuto di cannabinoidi e resistenza alle malattie.

Le mutazioni possono essere spontanee, causate da errori casuali durante la replicazione del DNA, o possono essere indotte attraverso tecniche come l’irradiazione o la manipolazione genetica. Alcune delle mutazioni più comuni includono:

  • Variazioni nell’aspetto: Le mutazioni possono influenzare la forma delle foglie, il colore dei fiori o persino la struttura della pianta stessa.
  • Contenuto di cannabinoidi: Le mutazioni possono influenzare la produzione di cannabinoidi come il THC e il CBD.
  • Resistenza alle malattie: Alcune mutazioni possono conferire alla pianta maggiore resistenza a malattie o parassiti.
  • Crescita: Le mutazioni possono influenzare il tasso di crescita della pianta, la dimensione delle foglie e la struttura generale della pianta.

Mutazioni della crescita

Alcune mutazioni possono avere un impatto sull’intera pianta di cannabis, mentre altre possono modificare solo il suo schema di crescita. Queste variazioni possono produrre cambiamenti radicali nell’aspetto della pianta, alcuni dei quali possono essere esteticamente piacevoli, ma potrebbero non influire positivamente sulla resa produttiva.

Piante auto-cimatrici

Ci sono poche informazioni o una comprensione completa di queste peculiari mutazioni. Gli studiosi non sono certi se siano mutazioni prettamente della cannabis, dato che tutte le varietà di cannabis possono manifestare questo comportamento in condizioni specifiche.

La spiegazione più plausibile è che sia dovuta a una scorretta distribuzione dei nutrienti durante le prime fasi dello sviluppo. Fondamentalmente, le piante focalizzano la loro energia sui rami laterali, che crescono in modo predominante. Nonostante ciò, la coltura continua a prosperare e potrebbe addirittura produrre un raccolto abbondante.

Piantine gemelle

Le mutazioni gemelle delle piantine di cannabis sono abbastanza comuni e provocano la germinazione di più di un fittone dal seme. È possibile separarle con cura e cresceranno normalmente attraverso la fase di piantina di cannabis.

Da un punto di vista genetico, una piantina è un clone della madre, mentre l’altra è una combinazione naturale di entrambi i genitori. Tuttavia, nonostante le mutazioni delle piantine di cannabis siano interessanti, nessuno sta attivamente cercando di creare una varietà commerciale di semi di piante ibride poliembrionali.

Cannabis strisciatrice

Questa strana modifica di solito si verifica in climi tropicali molto umidi. Questo fenotipo può portare alla crescita di piante di dimensioni considerevoli, con rami pesanti che piegano le piante. In alcuni casi, alcune piante possono crescere lungo il terreno, sviluppando nuovi siti radicali.

Queste mutazioni nelle piante di cannabis potrebbero essere utili in quanto le radici aggiuntive possono migliorare l’assorbimento dei nutrienti, aumentando così la resa. Tuttavia, questo cambiamento è casuale e i coltivatori non hanno creato varietà commerciali con questa caratteristica.

Piante a vite

Questa mutazione è molto insolita, è il risultato dell’utilizzo della Cannabis Australiana Bastarda (ABC) per sviluppare nuove varietà. Questa specifica varietà di cannabis ha caratteristiche di crescita distintive.

Alcuni di questi esemplari possono persino sviluppare steli che si intrecciano tra loro, ma tali casi sono rari. Anche se l’aspetto è unico, questa caratteristica evolutiva non sembra offrire vantaggi evidenti.

Fillotassi verticillata

Questa mutazione crea un effetto visivo sorprendente. Mentre di solito le piante di cannabis producono due foglie per nodo, quelle con fillotassi a spirale ne generano tre. Ciò porta a una vegetazione particolarmente densa e spesso si traduce in raccolti più abbondanti, ma potrebbe sviluppare ermafroditismo.

Mutazioni delle gemme

Le mutazioni delle gemme causano cambiamenti insoliti nei fiori, che possono suscitare sia fascino che timore. Non bisogna preoccuparsi, ma accettare la rara natura di questo genotipo. Sebbene possa non influenzare positivamente la produzione, arricchisce l’esperienza, la conoscenza e la comprensione.

Boccioli a coda di volpe

Le varietà di cannabis Foxtail spesso derivano dalla Tailandia o dalla Colombia. I calici di questa pianta mutata non assumono la consueta forma rotonda delle gemme, ma si allungano e ricordano guglie di chiese.

Questi calici si sovrappongono in un’anomalia che non apporta né benefici né utilità. Tale anomalia potrebbe indicare una maturazione inadeguata dei fiori, ma potrebbe anche essere causata da stress luminoso o termico. Alcune varietà di cannabis viola producono gemme a coda di volpe.

Germogli fogliari

Le piante di cannabis mutate costituiscono un’altra variante comune ma sorprendente. Le gemme si sviluppano generalmente nei nodi dei fusti, ma talvolta si formano dove il gambo incontra la foglia. Sebbene la crescita aggiuntiva possa sembrare vantaggiosa, le gemme fogliari risultano inconsistenti.

Nonostante rappresentino un fenomeno affascinante, non conferiscono alcun vantaggio poiché i fiori risultano troppo leggeri. Molti coltivatori addirittura le eliminano così da indirizzare l’energia verso una crescita più proficua.

Poliploidismo

Il poliploidismo si verifica quando gli organismi presentano un numero di cromosomi superiore a quello tipico della specie. La cannabis, di solito, è diploide (due cromosomi), ma può essere triploide (tre) o tetraploide (quattro).

I coltivatori hanno sperimentato ampiamente il poliploidismo nella coltivazione di frutta e verdura, in quanto promette rese più elevate. Nonostante possa generare piante massicce con gemme enormi, i coltivatori non sono riusciti a riprodurre questa mutazione in una varietà commerciale.

Germogli di erba filamentosi

Nel contesto delle gemme filamentose, i calici si formano lungo il ramo anziché in densi grappoli. Queste strutture filiformi presentano proprietà e sapori unici, e gli allevatori hanno fissato tale caratteristica creando la potente varietà Dr. Grinspoon.

La fioritura delle piante con gemme filamentose richiede più tempo e produce rese inferiori, ma offre ai consumatori un fenotipo alternativo.

Mutazioni delle foglie

Le mutazioni delle foglie nei vasi possono essere utili per i coltivatori che desiderano mantenere la loro coltivazione di cannabis discreta. Alcune di queste foglie hanno una forma molto diversa rispetto alle iconiche foglie a cinque dita, mentre altre ne esaltano la bellezza originaria.

Piedi d’anatra

Questa mutazione rende il fogliame ampio e palmato, simile alle zampe di un’anatra. Le piante di marijuana con foglie larghe e palmate non assomigliano affatto alla forma iconica.

I coltivatori considerano questa mutazione fogliare della marijuana vantaggiosa poiché nasconde il raccolto senza compromettere la qualità o la potenza.

Anche durante la fase di fioritura, le piante presentano aspetto e odore molto diversi, quindi i coltivatori hanno deciso di isolare e sviluppare questa caratteristica, creando una varietà chiamata Frisian Duck.

Australian Bastard Cannabis

ABC, abbreviazione di Australian Bastard Cannabis, è una varietà di erba selvatica che produce piante sorprendenti, completamente diverse dalle loro controparti normali. Conosciute localmente come Bindi Buds, queste mutazioni delle foglie delle piante infestanti sono state scoperte a Sydney tra gli anni ’70 e ’80.

Le foglie di questa varietà sono molto diverse dalla tipica forma seghettata a cinque dita. Il fogliame di ABC raggiunge una lunghezza massima di circa due pollici e ha una forma liscia, lucida e più simile a una pianta succulenta.

Le piante di cannabis mutata crescono come cespugli invece della tradizionale forma a “albero di Natale”. Le foglie sono robuste e offrono protezione alle piante nell’austero clima australiano.

Nonostante la varietà originale di ABC fosse scarsa di cannabinoidi, i coltivatori sono riusciti ad aumentare i livelli di THC mantenendo intatta la caratteristica forma delle foglie.

Cannabis variegata o albina

Questa pianta mutata può produrre raccolti sorprendenti, con gemme bianche immacolate ricoperte di delicati pistilli di cannabis.

Le piante utilizzano la clorofilla per convertire la luce solare in energia. L’erba albina, priva di questo pigmento, non può produrre il cibo necessario per sopravvivere. Alcune di queste mutazioni della cannabis iniziano bianche, mentre altre perdono gradualmente il colore verde con l’età. Alcune sono addirittura bicolore.

Sebbene questa splendida pianta possa produrre gemme, è probabile che i livelli di THC e altri cannabinoidi siano bassi e le gemme sono notevolmente più tenere. Sfortunatamente, la cannabis variegata raramente sopravvive a lungo.

Conclusioni

Le mutazioni della cannabis sono di solito una sorpresa piacevole, anche se non sempre portano benefici. Queste affascinanti evoluzioni sono emozionanti da osservare perché sono rare. Non c’è molto che si possa fare per prevenirle, poiché dipendono interamente dal DNA.

Molti coltivatori apprezzano vedere le loro particolari coltivazioni di erba completare il loro ciclo di vita, anche se producono rese inferiori. È importante tenere presente che le piante di cannabis mutate sono più inclini all’ermafroditismo, quindi è bene monitorarle attentamente.

Cannabis albina: esiste davvero?

albina

Nelle piante, così come negli animali, può verificarsi l’albinismo, causato dalla mancanza o dall’assenza di clorofilla, il pigmento responsabile della colorazione verde delle piante e indispensabile per la fotosintesi, processo mediante il quale le piante convertono la luce solare in cibo essenziale per la loro sopravvivenza. Anche se la maggior parte delle piante non può vivere senza questo processo, ci sono eccezioni.

Un esempio è rappresentato dalla pianta di marijuana bianca, che, nonostante la sua bellezza, ha foglie e germogli privi di clorofilla, compromettendo così la sua capacità di crescita. Inoltre, queste piante assorbono meno energia solare, il che spiega perché molte piante di marijuana albina non raggiungono mai la maturità.

Cause dell’albinismo

Ci sono diverse ragioni per cui i tratti dell’albinismo possono manifestarsi nella tua pianta di cannabis. Elementi come la genetica e le condizioni ambientali giocano un ruolo rilevante in questo processo.

Genetica

L’ibridazione rappresenta la principale causa dell’albinismo nella cannabis.

Le mutazioni nelle piante di cannabis possono derivare da alterazioni genetiche naturali o dall’attività degli allevatori che creano nuove varietà di marijuana. Questi cambiamenti sono alla base dell’emergere di cime albini, anche se gli allevatori non avevano l’intenzione di provocare l’albinismo nella cannabis bianca attraverso manipolazioni genetiche.

Ecco una breve panoramica di alcuni importanti termini genetici:

  • Fenotipo è un’espressione fisica unica del corredo genetico di una varietà di marijuana. Rappresenta il colore, la forma, l’odore, il tasso di crescita, l’altezza e le dimensioni dei boccioli.
  • Genotipo è la combinazione genetica specifica in una pianta di cannabis che determina i tratti trovati nel fenotipo. Genotipi unici risultano dai cromosomi portati dalle piante madri e paterne.

I coltivatori incrociano regolarmente diverse varianti di cannabis per trovare i semi ibridi perfetti, e a volte il risultato non è proprio ideale. La mescolanza genetica è la ragione per cui esistono queste varietà di erba albina.

Condizioni ambientali e falso albinismo

Le piante possono sviluppare caratteristiche albine a causa di diversi fattori ambientali. Substrati di coltivazione non idonei, patogeni e variazioni di temperatura sono tra le ragioni per cui alcune piante infestanti mostrano tratti di albinismo.

  • Un leggero sbiancamento può verificarsi quando una pianta è esposta a una fonte luminosa troppo intensa. Questo fenomeno può causare la comparsa di fiori e boccioli superiori bianchi, senza coinvolgere l’intera pianta. Tale sbiancamento non è una mutazione genetica, ma piuttosto un effetto della sovraesposizione alla luce, che conferisce al raccolto questo aspetto.
  • L’oidio, una temuta malattia della cannabis, può anch’esso causare un aspetto biancastro nei raccolti. Sebbene una pianta di cannabis albina possa sembrare desiderabile per alcuni coltivatori, l’oidio è da evitare.
  • Alcune varietà di cannabis possono sviluppare gemme dall’aspetto bianco, ma ciò non è dovuto all’albinismo. Un esempio è la varietà White Widow, che presenta abbondanti tricomi resinosi, conferendo alle sue cime un aspetto di cristalli bianchi.

Cosa fare se la pianta diventa bianca

Le piante con caratteristiche albine non possono essere curate e potrebbero non svilupparsi come colture normali. Una volta identificata la varietà di cannabis albina, non c’è nulla che si possa fare.

Studi hanno suggerito che l’aggiunta di zucchero alla dieta delle piante potrebbe offrire un lieve beneficio. Tuttavia, il risultato sarà comunque un germoglio albino.

Se le condizioni ambientali sono responsabili del cambiamento di colore delle piante, ci sono azioni che possono essere intraprese. Regolare l’illuminazione, affrontare problemi di umidità e temperatura ed utilizzare semi di cannabis con genetica di qualità sono modi per prevenire la comparsa di individui albini.

Le piante albine sono meno potenti?

Con la fotosintesi rallentata o interrotta nelle piante albini, non è realistico aspettarsi la stessa robustezza delle varietà normali di marijuana.

Se una pianta che mostra segni di albinismo riesce a progredire attraverso le fasi successive di crescita, possono verificarsi diverse conseguenze:

  • Ridotto sviluppo vegetale
  • Resa inferiore
  • Livelli più bassi di cannabinoidi con una potenza ridotta

Nonostante eventuali integrazioni aggiuntive, piante albine potrebbero comunque mancare dell’energia necessaria per produrre raccolti di alta qualità.

Come evitare la cannabis albina

La realtà è che le vere piante albine derivano da un’anomalia genetica, c’è poco da fare.

Le condizioni ambientali potrebbero essere la causa della mancanza di pigmentazione. Correggere eventuali problematiche legate a temperatura, umidità o illuminazione è cruciale il prima possibile. Investire in una illuminazione a LED di alta qualità è un modo per assicurarsi che la carenza di pigmentazione non influisca sulla qualità dei raccolti.

Conclusioni

L’erba albina è, in effetti, un fenomeno naturale. La sua bellezza potrebbe attrarti, ma potresti non desiderare di consumarla, considerando la potenza e la qualità inferiore del raccolto.

Puoi evitare queste colture poco desiderabili gestendo attentamente l’ambiente di coltivazione e scegliendo varietà premium con caratteristiche affidabili.

Conferma la tua età

Accesso consentito solo agli adulti. Questo sito è solo per maggiorenni in quanto tratta articoli correlati ai semi di Canapa. Vendiamo i semi al solo scopo collezionistico e non siamo responsabili di qualsiasi altro uso. Tutti i prodotti che trattiamo nel sito sono legali in Italia.

Sei maggiorenne?